Mi attivo. Così sono felice

Less is more. Ce lo ha insegnato con il design Ludwig Mies van der Rohe, architetto tedesco. Lo ha fatto tantissimi anni fa, ma non abbiamo affatto compreso il grande significato di questo concetto.

Io sto ancora cercando di capire come applicarlo alla mia vita di tutti i giorni. Iniziando dalla macchina. Non ce l’ho. Ci penso spesso perché, effettivamente, stare senza auto in Puglia è davvero complicato. I treni non hanno una copertura 24 ore su 24, come succede in altri paesi (vedi la mia cara amata Olanda), in più ci sono posti sperduti che puoi raggiungere solo con un mezzo privato. In compenso però, nelle città pugliesi che hanno la stazione in centro, puoi caricare la bicicletta gratis sui treni regionali. Molta gente lo fa. Non solo giovani, anzi.

La casa. Che capitolo! Io ho scelto di non comprarla. Prima di tutto perché la casa dei sogni costa sempre troppo, nonostante la crisi del settore, ma anche perché devo capire il senso di questa decisione. Il matrimonio, va bene, lo fai seguendo i sentimenti ed è tutto bellissimo anche dopo qualche anno, perché hai capito che la vita in due è davvero divertente. E allora vivo in affitto. Viviamo in affitto. Io e quel maritino che ho sposato sotto un albero dopo aver lasciato la città della Grande bellezza e il lavoro che mi piaceva assai. A distanza di due anni però abbiamo scelto di lasciare il nostro caro vecchio bilocale. I cambiamenti fanno bene. Mettere in ordine fa bene. Ora non abbiamo più tutti quei ganci per la nostra collezione di cappelli, per il phone, gli asciugamani, le collane. In realtà non abbiamo ancora trovato una soluzione a tutto. Forse perché non abbiamo il tempo di farlo. Non so come funziona per le altre coppie, ma noi – io in particolar modo, ma anche Domenico non scherza – ci facciamo prendere dal senso della vita e dalla ricerca della felicità, e fino alla fine ci riusciamo. A modi alterni, non perché non siamo felici, ma perché le responsabilità sono così grosse che ogni tanto dici: “ma davvero?”. E sì, davvero. L’avventura del matrimonio è divertente perché un uomo e una donna che decidono di sposarsi, non sono solo marito e moglie. Sono amici, sono compagni, sono coinquilini, sono amanti. E in alcuni casi, sono anche cittadini attivi. Molto attivi. Vi parlerò presto di Mosquito e del Giardino Botanico di Bisceglie.

Bisceglie è casa mia adesso. Anche se in affitto. Vivo al sud per amore, e per mantenere quelle promesse che ho fatto – a me stessa e ad altre persone molto importanti – per capire perché fosse così importante tornare nella mia regione. E in Puglia, considerate che “less is less”. Per certi aspetti. Però poi c’è anche il “more”, che è ineguagliabile.

Ad ogni modo. Credo che per vivere bene ovunque, valga la regola: Less is more. Per tutto, tranne che per l’amore. E la creatività.

Per tutto il resto ci sono i commenti. Grazie blog. Bentornato!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...