Quasi sposi: il giorno della promessa

Dichiarazione in tutte le salse, scelta del luogo e della data, il vestito, le scarpe, l’elenco degli invitati, gli inviti, il menù, la playlist… insomma, il matrimonio – seppur in tempo di crisi – dura più di un viaggio intorno al mondo.

Ma ci siamo quasi e, meravigliosamente a un mese dal giorno stabilito, abbiamo pubblicato ufficialmente le nostre intenzioni di fronte all’ufficiale di stato civile del comune di Bisceglie, città di residenza. Fino a questo momento non avevo la più pallida idea di cosa fossero le pubblicazioni, pensate che la mia amica Marina mi ha preso in giro dicendomi che tra un mese mi arriverà un volume enciclopedico a casa. Invece sapete cosa significa? Semplice: se qualcuno intende opporsi al mio matrimonio con Domenico deve farlo ora, avete 13 giorni, oppure potete rapirmi.

Ma la vera notizia è che ho pianto tutto il giorno, e non di certo per la commozione. Un grande pianto liberatorio, uno sfogo. Sì, mi sono sfogata per benino incolpando (ovviamente) Domenico di tutto lo stress accumulato. E devo dire che ho fatto bene, piangere funziona!

Per cui, il mio consiglio per il giorno della vostra promessa è di dare sfogo alle lacrime, tanto poi c’è spazio solo per le coccole.

Ah, gli inviti sono pronti. Colorati, profumati e soprattutto cuciti a mano. Ve li mostro nel prossimo post. Stay in love!! 🙂

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. ilaria ha detto:

    Tanti Auguri Congratulazioni 💕👍💋✌👏👰👨💏

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...